Normativa

Nuovo Piano Funzionale per Edifici ad Energia Quasi Zero

NZEB: Edifici a Energia Quasi Zero

I nearly zero energy building (conosciuti anche come NZEB: edifici a energia quasi zero) sono sia il sogno che l’obiettivo di ogni amante dell’ambiente. Grazie ai loro infissi e isolanti riescono a mettere in atto prestazioni energetiche molto alte e che consumano pochissima energia, diventando perfetti simboli di efficienza energetica.

Regolamentati dalla Direttiva Europea seguita in Italia dal D.Lgs 192/2005, questi “edifici passivi” tornano protagonisti grazie al PANZEB: il Piano d’Azione Nazionale per Incrementare gli Edifici ad Energia quasi Zero.

PANZEB: Piano d’Azione Nazionale per Incrementare gli Edifici ad Energia quasi Zero

Il piano contiene gli obiettivi intermedi che dovranno raggiungere gli edifici di nuova costruzione per rientrare nella categoria, oltre alle misure finanziarie per promuoverli.

La norma messa in atto dal PANZEB va a integrare il D.Lgs 192/2005, che si aggiorna con il DL 63/2013 e prevede che tutti gli edifici di nuova costruzione siano ad energia quasi zero entro il 31 dicembre 2020. Tempi più ristretti invece per gli edifici di nuova costruzione occupati o di proprietà degli enti pubblici, che dovranno essere ad energia quasi zero a partire dal 31 dicembre 2018.

NZEB Edifici ad Energia Quasi Zero: i Requisiti

Ma quali sono i requisiti che identificano un edificio ad energia quasi zero? Secondo il Piano Nazionale sono considerati tali quelli che rispondono ai requisiti tecnici del piano stesso.

Tra i requisiti necessari figurano un maggior isolamento termico degli edifici, che dovranno inoltre essere provvisti di impianti termici capaci di garantire che il 50% dell’energia da loro prodotta per riscaldamento, acqua calda e raffreddamento derivi da fonti rinnovabili.

Per migliorare l’efficienza energetica degli immobili il Piano Nazionale presenta (nel suo capitolo 4) alcune misure che promuovono la transizione del parco edilizio esistente verso un impatto quasi zero. Alcuni strumenti utili a promuovere e a raggiungere questo nuovo scenario sono il Conto Termico, le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio e i fondi strutturali presenti e futuri.

Oltre a ciò, il documento presenta diverse best practice regionali che illustrano edifici a basso impatto già presenti e realizzati in Italia. Il PANZEB è disponibile per la lettura a questo link.

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia un commento