Normativa

Le nuove regole di fatturazione delle bollette

bolletta-new

Anno nuovo regole nuove per quanto riguarda la fatturazione delle bollette di gas e luce.

Da gennaio 2017 l’Autorità per l’Energia metterà in atto una serie di procedure volte a tutelare maggiormente il consumatore finale con una serie di nuove regole che hanno come obiettivo quello di rendere più efficace e trasparente il processo di fatturazione.

Il processo di fatturazione dovrà allinearsi sempre più agli effettivi consumi, e si baserà sia su un sistema di lettura più frequente sia a una serie di nuove misure che vanno a migliorare il sistema dell’autolettura. Per implementare questo processo saranno inoltre fondamentali i nuovi contatori elettronici di seconda generazione, che permetteranno di eliminare le code di fatturazione calcolate su misure stimate, dati aggiornati su base giornaliera e un sistema per il cambio della fornitura e della voltura più veloce ed efficace.

Leggi anche: A gennaio arriva la Tutela SIMILE

CHI COINVOLGONO LE NUOVE REGOLE?

Le nuove misure in atto da gennaio 2017 coinvolgeranno tutti i clienti domestici e i piccoli consumatori sotto regime di tutela, Tutela SIMILE e anche per coloro che si affidano al mercato libero.
Ciò che entrerà in vigore da gennaio 2017 sarà il primo passo di un processo che porterà alla futura offerta standard di questi servizi. Questa offerta sarà differenziata rispetto a quelle attuali per quanto riguarda il prezzo, e sarà definita in un futuro documento di consultazione.

COSA PREVEDONO IN SINTESI LE NUOVE REGOLE?

Le nuove regole andranno ad agire sul processo di fatturazione finale, che si baserà su un intensificato utilizzo dell’autolettura che va a ridurre le cosiddette “fatture miste”.

Il venditore dovrà fatturare sulla base dei consumi effettivi messi a disposizione dal distributore e dalle autoletture comunicate dal cliente, che vengono validate dal distributore.

Il venditore metterà a disposizione una finestra temporale all’interno della quale il cliente potrà comunicare la sua autolettura, che sarà così presa in carico e comunicata al distributore entro 4 giorni lavorativi.

Nella bolletta non potranno inoltre più essere presenti dati stimati nei seguenti 3 casi: se la periodicità di fatturazione è mensile, se non viene rispettata la periodicità di fatturazione e se il dato di misura finale è un’autolettura.

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia un commento