Normativa

Il Futuro del Mini Eolico in Italia

Mini Eolico Italia

Cambiamenti in vista per il settore mini eolico italiano, che si prepara ad affrontare una sfida importante nel 2017.

Dal 1° luglio 2017 entrerà in vigore la riduzione della tariffa omnicomprensiva, un meccanismo di incentivazione riservato agli impianti qualificati IAFR (cioè alimentati da fonti rinnovabili) con un valore incentivante e di valorizzazione nell’utilizzo di fonti rinnovabili (che stanno sempre di più catalizzando gli Investimenti nel settore Energetico).

Mini Eolico in Italia: Riduzione del 30% della Tariffa

Alla data sopraindicata, il settore del mini eolico dovrà adattarsi a una riduzione del 30% della tariffa. Dopo aver visto negli ultimi anni una crescita promettente di questo settore, ora la priorità degli operatori diventerà quella di far fronte al nuovo scenario: alcuni di loro stanno optando per rotori dal diametro più grande per una produzione maggiore a parità di potenza, mentre altri stanno mettendo in atto processi volti a semplificare le macchine in uso in modo da tagliare i costi e aumentare l’efficienza energetica.


La riduzione della tariffa comporta infatti una sensibile riduzione all’incentivo di utilizzo del minieolico, che per rimanere competitivo dovrà quindi adeguarsi strutturando la propria offerta commerciale in modo che non si opti per soluzioni alternative, come ad esempio turbine ricondizionate.

Le stime sul mercato rimangono comunque positive: rispetto al nuovo scenario ci si aspetta una leggera flessione nei primi tre mesi del nuovo anno, per poi assistere a una ripresa del mercato nel post-nuova omnicomprensiva, che potrebbe portare a una crescita costante e più solida del settore confermandone la buona salute e l’effettiva stabilità.

 

Potrebbe interessarti anche: L’eolico è sempre più conveniente

 

Mini Eolico in Italia: un Bilancio

Nonostante un nuovo assestamento, la situazione del mini eolico in Italia rimane quindi positiva e incoraggiante. Dall’entrata in vigore del Decreto Rinnovabili in Italia si è infatti assistito a una fase di crescita che difficilmente si arresterà e che per un anno e mezzo ha garantito una continuità in grado di offrire una rete di fornitori e operatori di mercato efficaci ed efficienti.

Il settore del mini eolico si sta via via allineando alle logiche del grande eolico, e sta chiudendo il 2016 con un trend positivo rispetto al 2015 con un incremento generale di investimenti sul territorio e in termini di posti di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia un commento