Normativa

Ecobonus 2016: la documentazione necessaria

Ecobonus 2016 Documentazione

C’è ancora tempo fino alla fine dell’anno per poter accedere all’Ecobonus 2016. Le detrazioni del 65% per le spese sostenute per la riqualificazione energetica sono state prorogate fino al 31 dicembre.

Per conoscere come accedere all’Ecobonus 2016 è importante ricordare quali siano le tipologie di interventi detraibili, che includono tutti quelli realizzati per aumentare l’efficienza energetica di un edificio, come anche le schermature solari. Per poter accedere è bene sapere quali siano le spese che rientrano nella definizione di riqualificazione energetica, che includono anche l’acquisto di mobili e elettrodomestici. Oggi ci occuperemo della documentazione necessaria per usufruire delle agevolazioni fiscali, che consiste in una detrazione dell’imposta lorda per Irpef e Ires.

Ecobonus 2016: i Documenti necessari

  1. Attestato di certificazione (o qualificazione) energetica, da presentare alla fine dei lavori, a seconda di quanto stabilito nella normativa di ciascuna regione. L’attestato certifica i dati relativi all’efficienza energetica dell’edificio. Non sempre è necessario presentare questo attestato: dal primo gennaio 2008 l’installazione di pannelli e la sostituzione di finestre in singole unità immobiliari non necessita più della certificazione energetica. Lo stesso vale per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale a partire dall’agosto 2009.
  2. La scheda informativa, riguardante gli interventi realizzati e contenente le informazioni sul soggetto che ha sostenuto le spese e tutte le specifiche dell’edificio dove sono stati eseguiti i lavori. Nel caso si siano commessi degli errori nella compilazione della scheda è presente la possibilità di rettificarli entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale rientrano le detrazioni. La scheda informativa come anche la certificazione sono da presentare entro i 90 giorni dalla fine dei lavori.
  3. L’asseverazione, per dimostrare che l’intervento è conforme ai requisiti tecnici. Nel caso di più interventi all’interno dello stesso edificio si può presentare un unico documento che offra tutti i dati richiesti. In alternativa all’asseverazione, si può presentare una dichiarazione del direttore dei lavori, oppure in caso di autocostruzione o pannelli solari, è sufficiente presentare un attestato di partecipazione ad un apposito corso di formazione.

Potrebbe interessarti anche