Eventi e Curiosità

La filiera dell’energia elettrica

La Filiera dell'Elettricità

Dalla materia prima alla luce

Come ha detto una volta Wiet Van Broeckhoven Dobbiamo molto a Thomas Edison. Se non avesse inventato l’elettricità, adesso guarderemmo la TV a lume di candela.”

Certo, senza la scoperta del grande scienziato americano gran parte delle azioni che riteniamo più naturali non avrebbero mai visto la luce (per restare nell’argomento).

Ma ti sei mai chiesto quali sono i passaggi che trasformano una materia prima in energia elettrica e che poi la trasportano fino alla tua casa o azienda?

La produzione dell’energia elettrica

Le società di produzione si occupano della generazione dell’energia, trasformandola, con l’ausilio di specifici impianti, a partire dalle fonti presenti in natura.
Le fonti naturali da cui è possibile produrre energia elettrica sono convenzionalmente suddivise in:

  • fonti rinnovabili: sole, vento, acqua, onde e maree, terra
  • fonti fossili: biomasse, atomo, carbone, petrolio, gas naturale

La produzione energetica in Italia nel 2013 si è così suddivisa: idrica 16,55%, termica 57,55%, geotermica 1,67%, eolica 4,69%, fotovoltaica 6,98%. L’importazione dall’estero di energia elettrica è stata pari al 13,29% sul totale della richiesta.

La trasmissione dell’energia elettrica

Una volta prodotta, l’energia elettrica è trasportata sulla rete nazionale da Terna S.p.A., azienda che si occupa della trasmissione dell’energia elettrica in alta e altissima tensione.

Con 63.500 Km di linee ad alta tensione solo in Italia, 445 stazioni di trasformazione e smistamento, 22 linee di interconnessioni con l’estero (CTI), Terna S.p.A. rappresenta un player strategico di fondamentale importanza negli assetti energetici italiani: è infatti il primo operatore indipendente in Europa e il sesto al mondo per chilometri di linee gestite.

La perdita di energia in un elettrodotto è dovuta principalmente all’effetto Joule, per il quale la corrente elettrica che scorre nei cavi produce calore. La perdita di energia di rete in Italia nel 2012 è stata pari a 21.000 GWh (6% sul totale).

La trasformazione dell’energia elettrica

Le società di distribuzione, proprietarie delle reti a media e bassa tensione, si occupano sia di trasformare l’energia ad alta e altissima tensione in media e bassa tensione che di far arrivare l’energia elettrica così trasformata al cliente finale.

Queste aziende sono responsabili:

  • della qualità del servizio elettrico
  • delle operazioni di allacciamento
  • del servizio di misura

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MSE) rilascia alle società di distribuzione le concessioni relative alle attività di distribuzione che comprendono il trasporto e la trasformazione dell’energia elettrica.

I valori di media e bassa tensione a cui fa riferimento l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) sono così stabiliti: Media Tensione (mt) 1-35 kV, Bassa Tensione (bt) ≤ 1 kV

La vendita dell’energia elettrica

Il rapporto con il cliente finale è gestito interamente dalle società di vendita, aziende che si occupano di acquistare l’energia elettrica dalla borsa elettrica o dai produttori e di curare la gestione commerciale e amministrativa del servizio di fornitura ai clienti finali.

La borsa elettrica è un sistema organizzato di offerte per la vendita e l’acquisto di energia elettrica. La borsa elettrica è stata istituita in Italia a partire dal 1° aprile 2004 ed è oggi gestita dal Gestore del Mercato Elettrico (GSE).

L’utilizzo dell’energia elettrica

L’energia elettrica così prodotta, trasformata e distribuita arriva agli utenti finali, aziende e privati, che hanno il diritto di scegliere liberamente il proprio fornitore di energia elettrica, alle migliori condizioni sul mercato, grazie al D.lgs 79/99 (Decreto Bersani).

Mercato Libero dell’Energia: con il Decreto Bersani si è aperto il processo di liberalizzazione dell’energia elettrica che ha reso libere le attività di produzione, importazione e vendita all’ingrosso.
A tutti coloro che non effettuano alcuna comunicazione continuano ad essere applicate le condizioni economiche e contrattuali regolate dall’AEEG, ovvero il Servizio di Maggior Tutela e il Servizio di Salvaguardia.

Potrebbe interessarti anche