Come Fare

Energia: cambiare fornitore è semplice!

Energia elettrica: cambiare fornitore nel mercato libero dell'energia

Dal 1° luglio 2007 il mercato dell’energia è stato liberalizzato: questo significa che tutti i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore acquistare energia e sulla base di quali condizioni.

Fasi e operatori del mercato libero dell’energia

Per capire ccos’è il mercato libero dell’energia occorre fare un passo indietro e comprendere quelli che sono i processi e i soggetti che stanno alla base di tale mercato. In base al Decreto Bersani del 16 marzo 1999 per contrastare il monopolio, infatti, il settore elettrico è stato suddiviso in 4 principali fasi. Vediamo quali.

Fase 1. Generazione e produzione dell’energia

In un regime di libera concorrenza, tutti possono produrre energia. In Italia la maggior parte dell’energia prodotta deriva dallo sfruttamento di fonti non rinnovabili (petrolio, gas naturale, carbone) e solo in minor percentuale dall’utilizzo di fonti rinnovabili come il sole o il vento. Una volta prodotta, l’energia passa alla fase successiva: la trasmissione.

Fase 2. Trasmissione

La raccolta e la trasmissione dell’energia sul territorio nazionale è assegnata, in regime di riserva esclusiva dello Stato, a una società apposita chiamata Gestore Servizi Energetici (GSE) che ne è concessionario esclusivo (TERNA SpA).

Fase 3. Distribuzione

Una volta giunta sul territorio, l’energia viene consegnata al consumatore finale per mezzo del distributore locale, che è sempre responsabile della manutenzione, dell’assistenza e del servizio guasti, a prescindere dalla società fornitrice con cui si sottoscriverà il contratto di fornitura.

Fase 4. Vendita

All’interno del libero mercato, in regime di concorrenza, l’utente può a questo punto scegliere l’operatore da cui acquistare energia, in base alle proprie esigenze specifiche e sulla base di diverse condizioni contrattuali, senza nessun disagio o disservizio.

Cambiare fornitore non significa quindi apportare cambiamenti tecnici alla propria rete di distribuzione, che rimane in gestione allo stesso distributore locale, responsabile della sua manutenzione e dell’assistenza clienti. Si tratta di un semplice cambio amministrativo, attraverso il quale ogni utente può finalmente scegliere in maniera autonoma e consapevole le condizioni secondo cui acquistare energia elettrica, in base alle proprie necessità.

Approfondimento: Carta Europea dei Consumatori di energia

Potrebbe interessarti anche

  • Energia: cambiare fornitore è semplice! - Energia 100% Verde
    settembre 10, 2015 at 11:19 am

    […] Energia: cambiare fornitore è semplice! sembra essere il primo su Energia per […]